STORIA DELL’IRIDOLOGIA



L’’iridologia è lo studio delle alterazioni dell’’iride in relazione alle malattie.

L’’iridologia moderna nasce grazie al medico ungherese Ignaz Peczely di Budapest (1826 – 1911), che riuscì a stabilire, studiando numerosi casi clinici, che esistevano precise relazioni fra certe malattie e determinate parti dell’’iride.

Peczely descrisse così l’osservazione casuale che lo condusse all’’intuizione del legame esistente fra l’iride e gli altri organi del corpo: “Nel tentativo di catturare una civetta, da ragazzino, incidentalmente le spezzai una zampa, il giorno dopo notai la comparsa di una larga fessura nera nella sua grande iride”. Dopo qualche tempo la zampa guarì e scomparve anche la “fessura nera”, creatasi a causa dell’incidente, dal tessuto dell’’iride dell’’uccello.

Perciò nell’’ iridologia, l’’occhio è inteso come zona di manifestazione e di monitoraggio di ogni malattia.

 

COS’E’ L’IRIDOLOGIA?
 

_MG_1768


Dall’esperienza di Peczely, menzionato sopra, nacque l’idea che ogni parte dell’iride fosse collegata con ben precisi organi, così che sull’iride si costituirebbe a tutti gli effetti una vera e propria mappa del corpo.

La salute dell’organismo si dimostra quindi in una membrana chiara e pulita, mentre nel caso di malattie, l’iride diventerà torpido e impermeabile con delle fibre in parte visibili, macchie, perdite di colore, gonfiore del tessuto, rigature e locali danneggiamenti. L’iridologia ci mostra inoltre che la febbre interna è la causa e il punto di riferimento di ogni tipo di malattia e avvelenamento del sangue con conseguenti disturbi circolatori.

Questo è un eccellente metodo diagnostico per la medicina naturale.

UNA BUONA DIGESTIONE CREA LA SALUTE

Ogni malattia ha origine da disturbi digestivi, che nascono attraverso una scorretta alimentazione e una sbagliata secrezione della pelle, dei reni e dell’intestino.

La medicina naturale vede, come causa reale di ogni malattia organica, accumuli d’impurità nel sangue e nel tessuto. Non esistono diverse malattie, ma solo diverse manifestazioni del malfunzionamento del corpo umano, che di conseguenza creano uno sbalzo di temperatura fra interno (secrezione) ed esterno (pelle) del corpo. Il buono e il cattivo funzionamento della pelle si distingue sul bordo estremo dell’iride, mentre le secrezioni interne attorno alle pupille.

Un corpo sano deve mantenere una temperatura costante di 37 gradi C. sia all’’interno che all’’esterno sulla pelle. Al contrario, se esiste una differenza, e la temperatura degli arti e della pelle (esterna) è bassa si crea un dislivello che si può manifestare attraverso l’aumento dei battiti cardiaci e il cambiamento dell’iride.

I disturbi di digestione a loro volta producono un anormale colore nella zona stomaco intestino, facendo così salire la febbre interna. A questo punto dobbiamo cercare di normalizzare o meglio raffreddare l’apparato gastrointestinale evitando cibi di provenienza animale e ogni prodotto raffinato e non naturale. Questo per evitare che la febbre interna diventi cronica creando così nuove putrefazioni.

Uomo sano01

Temperatura corporea costante:
UOMO SANO
 

Uomo sano02

Temperatura corporea incostante (febbre intestinale)
UOMO MALATO

Perciò per facilitare la digestione, oltre ad avere un’adeguata alimentazione e una giusta temperatura interna, dobbiamo avere anche una completa e corretta masticazione e deglutizione. Cibi masticati male danneggiano lo stomaco.

La medicina naturale prova a regolare la digestione, ricomponendo e regolando la circolazione del sangue, questo metodo rinforza i tessuti e aumenta la vitalità, fatto che si potrà notare anche nell’iride il cui colore, dopo la guarigione, si normalizzerà.

 

In conclusione: Come si può ottenere una temperatura costante? Come ristabilire la salute?

Attraverso delle terapie quali:

 

1. Cataplasmi di terra.

2. La pulizia del sangue (bagni di vapore).

3. Detergendo la pelle con acqua fresca (frizionamento).

4. Colon-idroterapia.

5. Impacchi freddi su ventre e reni.

6. Drenaggio linfatico.

7. Indiba (ipertermia profonda).

8. Dieta a base di frutta e verdura cruda.